martedì 26 agosto 2008

Ecco come cambierà la Formula 1 nel 2009

Non è certo la notizia dell'ultim'ora. Anzi, è nell'aria da tempo, per chi segue il mondo delle corse. Ma per chi non è attratto dalla F1, è di sicuro una novità, e questa potrebbe essere l'occasione buona per interessarsene un pochino. E la ragione è questa: dall'anno prossimo, cambierà tutto. Ed ecco quali saranno le novità:


1) Il ritorno alle gomme slick, lisce, come tre lustri fa. Infatti dal 1998 si utilizzano gomme scanalate (con tre scalanature nel 98, 4 dal '99 in poi). Può sembrare cosa da poco, ma avere gomme slick (sull'asciutto ovviamente, le intermedie e quelle da bagnato non cambieranno) garantisce maggiori prestazioni, poiché aumenta la superficie che è a contatto con l'asfalto.

2) Il KERS. Ovvero, Kinetic Energy Recover System. Sistema di Recupero dell'Energia Cinetica. Chi ha qualche nozione di fisica, sa che un corpo in movimento genera un'energia detta, appunto, cinetica, che è data dalla metà del la massa del corpo moltiplicata per il quadrato della velocità.

Ec = ½ m * v2

Tale energia viene dispersa in frenata. Ma dal prossimo anno si potrà montare sulle monoposto un sistema, che sarà obbligatorio a partire dal 2010, che prevede di recuperare l'energia dispersa. Attualmente sono in progetto due sistemi: uno meccanico, che recupera e trattiene l'energia grazie a un volano; un altro elettronico che accumula l'energia in una batteria. Il primo sistema è più sicuro e affidabile, ma pesa molto, il secondo è meno sicuro ma molto più leggero. Quest'energia accumulata verrà sprigionata dal pilota nel corso del giro, fornendo circa 80 CV in più per un breve tratto di pista, presumibilmente durante i sorpassi.


3) Eliminazione di tutte le appendici aerodinamiche, eccetto i due alettoni. Quindi non si vedranno più pinne, alette, corna, orecchie di elefante e via dicendo. La Ferrari ha dichiarato che la vettura dell'anno prossimo è già a un ottimo stadio di progettazione, e ci fa anche ipotizzare come sarà: avrà l'alettone anteriore molto più grande mentre il posteriore sarà più stretto e alto. Inoltre il pilota potrà regolare i flap (le alette che determinano il carico dell'alettone anteriore) direttamente dall'abitacolo.


Tutto ciò è stato deciso da Bernie Ecclestone, patron della Formula 1, nella speranza di rendere più accattivante ed emozionante la Formula 1, in cui ultimamente si vedono ben pochi sorpassi. Tutto questo creerà molte differenze tra le varie auto all'inizio della prossima stagione, che però verrano colmate durante il campionato, quando tutti si scopiazzeranno a vicenda e copieranno chi avrà avuto le idee migliori. Che, speriamo, sia ancora una volta la Ferrari.

giovedì 7 agosto 2008

Ritorno

Ho di nuovo la connessione a internet, ma la userò con ponderazione. Intanto guardate questo video-tributo sull'ultimo Gran Premio del più grande campione di Formula 1, Michael Schumacher.